04. marzo 2020
Come vive oggi il popolo libico dopo due guerre interne e l'occupazione dell'Isis? Cosa ha lasciato la colonizzazione italiana? Le storie di anime migranti affidate al mare, il profumo delle donne velate, l'odore del tabacco sui vestiti, il sapore del pane, la polvere che ti entra in macchina, le scarpe dalle punte consumate, il parabrezza di Zuahir, le mani di Sasha, il velo di Maria.

05. dicembre 2019
Un giorno Bala accende la tv, il Kosovo, che allora era una regione della Jugoslavia, stava bruciando. Vede le immagini dei profughi in fila alla frontiera, i corpi nelle fosse comuni, vede il suo villaggio distrutto. Nemmeno ci pensa, abbandona tutto quello che ha creato in Danimarca e torna nella sua terra a combattere. Era il 1998, una guerra sul suolo d’Europa.

03. novembre 2019
La prima cosa che colpisce quando si arriva in Africa è la luce. Forte, intensa, luce dappertutto. Il sole brucia gli occhi e la pelle. Un viaggio dantesco fatto di sofferenza e speranza, un viaggio nel dolore e nell’intima bontà dell’uomo. Gradevole e ripugnante. Come l’Africa.

03. ottobre 2019
Al ritorno da un viaggio “in missione”, arriva quella notte in cui il sonno non si fa avanti, si ha come la sensazione di aver lasciato qualcosa di non fatto. L’unico pericolo di questa terra è la troppa umana meraviglia. È per questo che sai già che tornerai in Africa.

11. settembre 2019
A solo un braccio di mare da casa nostra, due paesi protagonisti di un'emigrazione al contrario; molti nativi sono tornati e gli stranieri stanno investendo nel settore turistico. Una terra dalle grosse potenzialità che vale la pena di essere vissuta e scoperta.

05. agosto 2019
Racconti di viaggio in terra nipponica. Nonostante gli aspetti della cultura nipponica ormai conosciuti in occidente, dai manga al sushi, dai cartoni animati ai grandi marchi nel settore tecnologico e dei motori, il Giappone prima di arrivarci evoca un sentimento d’indecifrabilità, d’impenetrabilità, forse dovuto alla distanza o alla lingua fatta di segni e ideogrammi incomprensibili.

16. aprile 2019
Il mio viaggio nella zona di esclusione, fra considerazioni e timori, fino ai piedi del reattore. L’ecosistema più radioattivo al mondo, il sito del disastro. Una delle zone più inabitabili del mondo: Chernobyl.

07. marzo 2019
Oggi l'Ucraina è la cinquantesima nazione su cui metto piede in questo mondo. Le notti insonni, gli ostelli sporchi, i crepuscoli africani, i viaggi squattrinati, le luci d'America, le mani gelati, gli odori dell'Asia, la paura, le liti, le strade d'Europa, i treni persi, le pagine scritte e quelle ancora bianche.

13. febbraio 2019
Due porte e dieci metri. Lo spazio fra il pianto e la salvezza. Il prima e il dopo. L’affanno e il respiro. Il peso che porto sulle braccia e sull'anima. Muovo il primo passo. Due porte e dieci metri.

02. ottobre 2018
Raggiungere la terra degli ultimi, mi ha permesso di godermi lo spettacolo della vita dalla prima fila. Perché questa è l’Africa.

Mostra altro